Lo studio della storia è in declino in Gran Bretagna. Il paese attraversa un periodo “storico”, ma sta perdendo la sua capacità di interpretare il passato Bagehot

  1. Home
  2. In evidenza
  3. Lo studio della storia è in declino in Gran Bretagna. Il paese attraversa un periodo “storico”, ma sta perdendo la sua capacità di interpretare il passato Bagehot

The Economist Jul 18th 2019.

Qualunque cosa si pensi degli eventi recenti in Gran Bretagna, non si può negare che si qualifichino come storici. Il paese sta cercando di apportare un cambiamento fondamentale nelle sue relazioni con il continente. Il partito conservatore è in pericolo di frantumazione e di consegnare il potere a un partito laburista di estrema sinistra. Tutto ciò sta avvenendo sullo sfondo di una frattura dell’alleanza occidentale e di una rinascita del populismo autoritario.

La Gran Bretagna è una piccola isola con una storia gigantesca e la storia la collega alla saggezza dei secoli.

Ma negli ultimi tempi qualcosa è andato storto. Anche se la storia stessa è diventata più drammatica, lo studio della storia si è avvizzito. Il numero di corsi all’università è diminuito di circa un decimo nell’ultimo decennio. Il numero degli studenti che studiano le lingue, che spesso hanno una componente storica, è sceso di un quinto: non proprio un buon inizio per la “Gran Bretagna globale”.

Gli studenti preferiscono  in massa corsi apertamente pratici come medicina, scienze veterinarie e studi aziendali.

Allo stesso tempo, la professione storica si è trasformata. Gli storici passano la vita imparando sempre di più su sempre meno, producendo corsi di dottorato asfittici e trasformandoli in monografie e articoli accademici, nella ricerca del posto di ruolo e della promozione come in una ruota da criceto. La necessità di creare infiniti progetti per accedere ai finanziamenti del governo aggiunge l’incubo della burocrazia ufficiale all’incubo dell’iper-specializzazione. E gli storici si dedicano sempre più a temi diversi dalle grandi questioni di stato: la storia della vita marginale piuttosto che dei potenti, dei poveri piuttosto che dei ricchi, di tutti i giorni piuttosto che del Parlamento. Queste mode costituivano un valido correttivo per una storia della vecchia scuola che si concentrava quasi esclusivamente sulle gesta degli uomini bianchi, in particolare dei politici. Ma sono andati troppo lontano. In effetti, alcuni storici sembrano quasi essere impegnati in una corsa alla scoperta del soggetto più emarginato che si possa immaginare. Quelle che un tempo erano vivaci nuove idee sono degenerate in stanche ortodossie, mentre le aree vitali del passato, come gli affari costituzionali e militari, sono quasi ignorate.

Le persone che pagano il prezzo più alto per questo sono gli studenti che scelgono di trascorrere diversi anni della loro vita e molte migliaia di sterline, studiando storia. Con i corsi di altri tempi, gli studenti acquisivano almeno  un senso generale della storia del proprio paese. Oggi studiano spesso un miscuglio di argomenti speciali che non hanno molto in comune, figuriamoci se possono fornire un senso di ampio sviluppo storico. Anche il pubblico in generale è cambiato. Gli storici senior pensavano che il loro lavoro includesse il parlare alla nazione e inquadrare gli eventi attuali nel loro contesto storico. Per la maggior partegli storici di oggi rimangono isolati nei loro bozzoli professionali, trascorrendo più tempo a armeggiare con le loro note a piè di pagina che a far luce sul passato per un pubblico più vasto. Chi al di fuori del mondo accademico ha sentito parlare di Lyndal Roper, l’attuale professore di storia Regius a Oxford?

L’ovvia ragione di preoccuparsi di questo è che c’è più di una piccola verità nel vecchio adagio secondo cui coloro che non imparano dalla storia sono condannati a ripeterlo. Il mondo sembra determinato a copiare gli errori degli anni ’30 e ’40, con Donald Trump che ricicla la retorica isolazionista di America Firsters e Jeremy Corbyn che abbraccia un’ideologia socialista fallita. La storia è una salvaguardia contro questo tipo di utopismo. Uno dei motivi per cui il mondo è in un tale caos è che gli storici più venduti o non hanno un lavoro accademico (come Mr Holland) o affrontano muri di mattoni e arretramenti da parte dei loro colleghi professionisti (come fa Dame Mary). Il vorace appetito del pubblico per la storia militare, così chiaramente dimostrato durante le celebrazioni del d-day, è gestito quasi interamente da non accademici come Sir Max Hastings e Sir Antony Beevor.

Gli storici devono fuggire dalle loro caverne intellettuali e iniziare a prestare maggiore attenzione a grandi temi come la storia della politica, del potere e degli stati-nazione. I tempi straordinari che stiamo vivendo non richiedono niente di meno.

Bagehot.

Trad. it. Mario Pilosu

Menu
X